Fiere di settore, un’opportunità da sfruttare

Come allestire uno stand fieristico in modo originale ed efficace

  • Lo stand fiera è la tua vetrina
  • Perché partecipare a una fiera?
  • Allestimento stand: da dove iniziare?
  • Alcune regole che valgono per tutti gli spazi espositivi
  • Omaggi e gadget per i clienti

 

Per scrivere questo articolo mi si sono aperti i cosiddetti “cassettini della memoria” infatti, mentre studiavo all’Accademia di Design, lavoravo nei fine settimana come Hostess presso fiere di settore, in Fiera Milano.

Ho sfruttato l’esperienza per vivere uno stand espositivo in prima persona e studiare gli spazi adibiti alla comunicazione, facendo attenzione agli allestimenti, le grafiche e i vari materiali di marketing e merchandising presenti.

Sono passati diversi anni da allora, ma le fiere rimangono una grossa opportunità da non perdere.

Vediamo insieme perchè.

 

Lo stand fiera è la tua vetrina

Così come per un negozio, lo stand in fiera è la tua vetrina, ma una vetrina con un pubblico specifico e interessato ai tuoi prodotti o servizi.

Hai l’occasione di mostrarti e parlare a un pubblico in target, fatto di persone preparate e interessate realmente a ciò che proponi. 

Un pubblico che non ha limiti geografici e confini.

Puoi ottimizzare la tua comunicazione e i materiali da distribuire, focalizzandoti solo su un determinato pubblico, quello che visiterà la fiera. Avrai modo così di concentrare le tue risorse per l’evento fiera, realizzando una comunicazione davvero mirata.

 

Perché partecipare a una fiera?

Oltre al pubblico in target, in fiera puoi trovare altre realtà affini e complementari alla tua azienda e creare contatti duraturi.

Può nascere così una collaborazione o, anche un semplice scambio di idee, sempre utile.

Puoi conoscere direttamente e personalmente i tuoi competitor, anche quelli geograficamente distanti dalla tua zona, e studiarli in tutti gli aspetti della comunicazione.

Inoltre spesso vengono organizzati convegni e attività che vanno oltre lo spazio espositivo.

 

Allestimento stand: da dove iniziare

Come allestire uno stand? La preparazione di una fiera inizia ben prima dell’evento stesso.

Sono molti gli aspetti da predisporre, dal personale che parteciperà alla fiera, al tipo di contatti e intrattenimento offerti, alla struttura stessa dello stand espositivo. Senza dimenticare i materiali marketing che andranno esposti e distribuiti.

Prima di tutto, dati gli spazi ridotti, bisogna porre attenzione alla funzionalità e ai passi che compiranno i visitatori, perchè uno stand fieristico deve essere efficace in pochi metri quadri.

Ma lo stesso discorso vale per stand di grandi dimensioni: anche se lo spazio non manca, la prima operazione è decidere l’architettura dello spazio espositivo e il percorso che seguiranno gli utenti, per rendere intuitiva e agevole la loro esperienza di visita.

Alcune regole che valgono per tutti gli spazi espositivi

  1. impostare un visual che attragga e che conduca a una zona di primo contatto, in cui dare le prime informazioni agli utenti che si rivolgeranno al punto accoglienza
  2. ricavare un’area per chi necessita di approfondimenti, in cui è possibile parlare faccia a faccia con un referente dell’azienda espositrice
  3. predisporre una zona più riservata e tranquilla per brevi riunioni con i clienti e possibili clienti
  4. l’area caffè, se preventivata
  5. la zona nascosta “magazzino” 
Luce e materiali

Trovandosi in posti chiusi la luce fa la differenza, i vari ambienti devono essere illuminati al meglio per permettere colloqui e lettura, evitando però fonti di luce troppo aggressive.

Inoltre, è consigliabile creare delle infografiche per indicare i percorsi da seguire e le diverse parti dello stand.

Un aspetto da non sottovalutare, è quello dei materiali.

Pareti, banco, divisori: scegliete i materiali in base al vostro obiettivo e al settore di riferimento, ma con un occhio green e attento alla sostenibilità.

Senza dimenticare le nuove tecnologie e il digitale: per realizzare uno stand fieristico innovativo si possono aggiungere monitor, con video per attirare l’attenzione e fornire le prime informazioni, utili a farsi notare e invogliare a soffermarsi.

Il tutto, giustamente, deve essere in linea con la propria brand identity e immagine coordinata

Per questo, la creatività, è un’alleata per farsi notare (e ricordare!)

Si, perchè se da un lato in fiera arriva pubblico in target, dall’altro gli espositori fanno parte dello stesso settore e puoi trovarti fianco a fianco con chi tratta la tua stessa offerta.

Stand fieristici per farsi notare

L’allestimento non è fatto solo di pareti e arredi, ma anche cartellonistica, display, banner, infografiche, totem, espositori e complementi vari.

Una riproduzione tridimensionale di uno stand, con tutti gli elementi d'arredo coordinati con la brand identity.

Una riproduzione tridimensionale di uno stand, con tutti gli elementi d’arredo coordinati con la brand identity.

Qui, infatti, entra in gioco la comunicazione visiva!

Con una solida brand identity e un’immagine coordinata efficace, applicata coerentemente anche allo spazio espositivo, possiamo catturare l’attenzione di chi sta passeggiando nei corridoi e ancora non ci conosce.

Non solo visual

Oltre la parte visiva, nell’allestimento di uno stand si possono coinvolgere tutti gli altri sensi: aggiungendo delle texture che attirino l’attenzione e che invoglino a toccare determinate superfici, per esempio.

Materiali profumati, risorse audiovisive e, ovviamente l’angolo coffee-break!

Il tutto a seconda del settore di riferimento.

Tornando alla parte comunicativa, grazie al design e a un copy studiato, possiamo attrarre i visitatori, invitandoli a entrare nel nostro stand, in cui seguiranno un percorso ottimizzato attraverso infografiche, per conoscere la nostra realtà.

Depliant e materiali informativi

All’interno dello stand troveranno sia chi gli fornirà le prime informazioni e gli lascerà il nostro biglietto da visita, ma anche materiali cartacei creati per l’occasione. 

Volantini, cartoline, depliant e piccole brochure, pensati e realizzati appositamente per l’evento fiera.

Una grafica intuitiva, con le informazioni l’azienda e i servizi offerti, stampati su una carta con una bassa grammatura. Si possono aggiungere dei plus, per esempio un buono sconto, in riferimento alla specifica fiera cui si sta partecipando.

Il loro scopo è essere consultati in futuro, quindi devono avere dimensioni e peso ridotti, oltre a un contenuto che invogli la loro conservazione (non devono finire nel cestino…)

Non vanno comunque dimenticati materiali più ricchi e consistenti, da consegnare a specifici clienti.

E per l’intrattenimento? Display e monitor con video riguardanti l’azienda e i suoi prodotti o servizi.

Greta Lorenzetto - analisi SEO Greta Lorenzetto - analisi SEO 100% 11 H3 Un'altra riproduzione tridimensionale su come si possono organizzare gli spazi, pensando a come le persone arrivano allo stand e in che modo si muovono. Un'altra riproduzione tridimensionale su come si possono organizzare gli spazi, pensando a come le persone arrivano allo stand e in che modo si muovono. Attiva il supporto per lo screen reader Per attivare il supporto per lo screen reader, premi ⌘+Opzione+Z Per informazioni sulle scorciatoie da tastiera, premi ⌘barra

in questo disegno un esempio di stand fieristico coordinato all’identità visiva, nello specifico ho applicato la palette colori a pareti, arredi e display

Omaggi e gadget per i clienti

In conclusione, non c’è fiera senza gadget.

Il merchandising è un aspetto da non sottovalutare, è un grande strumento applicativo per l’immagine del brand.

Anche per il merchandising ci deve essere una strategia alla base, volta a realizzare diversi tipi di gadget e con relativi costi, a seconda del tipo di pubblico cui saranno destinati.

Il gadget in questo caso è un ottimo modo per veicolare il proprio marchio e fidelizzare, ma è anche un ringraziamento per un cliente speciale e non deve essere lasciato al caso. (Io uso ancora delle tazze da colazione ricevute a una Fiera del 2002…)

Hai mai partecipato a una fiera come espositore?

 

Header della mia newsletter mensile

SUBLetter è la mia newsletter

La invio ogni mese e la mia missione è portare nella tua casella di posta tanti spunti creativi, utili al tuo brand. Conterrà consigli per sviluppare e portare avanti la tua comunicazione visiva, tips grafiche, suggerimenti social, genialate creative (quelle belle). Troverai anche anticipazioni o riassunti dei contenuti social e del blog più  momenti di vita da freelance, soprattutto da mamma-freelance. Ti iscrivi?

MI ISCRIVO SUBITO

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Greta Lorenzetto Amarillo Creative blog

Ciao sono Greta, visual designer e capitana di Amarillo Creative, il mio studio grafico online ormeggiato in Valle Camonica.

Categorie

Seguimi sui social

Potrebbero interessarti anche…