Come deve essere la grafica per essere davvero notati?

Hai mai pensato alla differenza tra vedere e guardare?

Il primo è più “passivo”, mentre il secondo prevede un’azione attiva da parte di chi la compie.

VEDERE è più superficiale e indica il percepire qualcosa con la vista ma in maniera poco approfondita o involontaria. GUARDARE significa soffermare il proprio sguardo su qualcosa o qualcuno, dunque vedere con maggiore attenzione, osservare.

Vedere: scrollare passivamente sul feed, guardare: soffermarsi su un contenuto perchè è stato in grado di farsi “notare”

Per questo motivo la comunicazione visiva sta diventando sempre più rilevante: scarso livello di attenzione e troppi stimoli. Abbiamo bisogno di farci GUARDARE e diventare rilevanti. Per riuscire ad emergere dall’anonimato, diventando indimenticabili.

In questo articolo, tramite un esempio recente, mi collego a questa differenza non troppo sottile, perchè ci tengo a condividere un argomento che mi sta a cuore, e particolarmente rilevante in questa epoca dominata dai social media e dalla comunicazione visiva.

Dobbiamo quindi arrivare al nostro pubblico con tattica e strategia. Proprio come le abili tattiche del famoso ladro gentiluomo Arsenio Lupin: che riesce a distogliere o catturare l’attenzione, o dirigerla dove gli serve. Questo ci fa capire l’importanza di farsi notare nel mondo digitale, per essere visti con attenzione, e non solo di sfuggita.

uomo che guarda da una lente di ingrandimento su sfondo giallo

Facciamo un esempio tratto dalla letteratura

Arsenio Lupin

Il Ladro Gentiluomo nato dalla penna di Maurice Leblanc nel 1905 è sempre attuale.

Lupin, noto per la sua straordinaria capacità di confondersi tra le persone e di sfuggire all’attenzione delle autorità, spesso riesce nel suo intento proprio grazie al fatto che le persone osservano solo superficialmente. In un modo simile, molti di noi rischiano di passare inosservati nel mondo digitale se non prestano attenzione all’identità e alla comunicazione visiva.

La comunicazione visiva va ben oltre la scelta di una bella immagine del profilo. Si tratta di trasmettere il nostro messaggio, i nostri valori e la nostra personalità attraverso l’uso di immagini e grafica. Questo è ciò che permette di distinguersi in questo oceano social così affollato.

immagine del centenario di Arsenio Lupin a Etretat in Francia

Di L’utente che ha caricato in origine il file è stato Cslevine di Wikipedia in francese – Trasferito da fr.wikipedia su Commons da Bloody-libu utilizzando CommonsHelper., CC BY-SA 2.5, https://commons.wikimedia.org/w/index.php?curid=17776475

Perché la comunicazione visiva è così importante?

Ecco alcune ragioni per cui la comunicazione visiva è così cruciale, anche collegandoci al personaggio di Arsenio Lupin:

  • Cattura l’attenzione immediatamente: Immagini accattivanti o video ben realizzati attirano l’attenzione delle persone più rapidamente di un testo scritto, proprio come Lupin riesce a catturare l’attenzione con le sue abilità straordinarie.
  • Comunica emozioni e storie: Le immagini e i video possono comunicare emozioni e storie in modo molto efficace, proprio come Lupin racconta le sue avventure attraverso i suoi colpi di genio.
  • Aumenta la credibilità: Una presenza visuale curata e professionale aumenta la tua credibilità, proprio come Lupin si guadagna il rispetto anche dei suoi avversari.
  • Facilita la comprensione: La comunicazione visiva può semplificare la comprensione di concetti complessi, proprio come Lupin semplifica le situazioni complesse con le sue astute manovre.
  • Aumenta la condivisione e l’interazione: Il contenuto visivo è più probabile che venga condiviso e commentato rispetto al testo, proprio come Lupin cattura l’immaginazione delle persone, spingendole a discutere delle sue gesta.

Gestire in modo ottimale la comunicazione visiva è cruciale per farsi notare nel mondo dei social media, proprio come Arsenio Lupin si fa notare, o NON notare, nella sua vita da ladro gentiluomo. Investire tempo ed energie nella creazione di contenuti visivi di qualità può fare la differenza tra l’anonimato e il diventare una presenza riconoscibile online.

La campagna di lancio di Netflix per la terza stagione di Lupin

“Mi hai sottovalutato, perché non mi hai guardato. Mi hai visto, ma non mi hai guardato”

Mi ricollego quindi ad Arsenio Lupin per parlarti della meravigliosa campagna di lancio di Netflix per la terza stagione di LUPIN, che mi ha dato diversi spunti di riflessione. Il 5 ottobre infatti è uscita la terza stagione di Lupin e per l’occasione Netflix ha creato una campagna in cui LUPIN ruba i gioielli di alcuni brand di lusso. La serie francese racconta le avventure di un ladro dal grande carisma, Assane Diop, interpretato magistralmente da Omar SY, e si ispira ad Arsène Lupin di Maurice Leblanc.

locandina terza stagione serie Netflix Lupin

La campagna di Netflix ha dapprima appeso delle locandine per le strade di Parigi durante la Fashion Week, catturando l’attenzione degli appassionati di alta moda, e non solo, per poi espandersi sul web.

Le immagini pubblicitarie riprendono l’identità visiva di brand luxury, ma sostituiscono il nome nel logo con quello di LUPIN. Solo in basso viene messo il richiamo a Netflix con la data di uscita della serie.

netflix-campagna-nuova-stagione-lupin-gioielli-rubati-TIFFANY

netflix-campagna-nuova-stagione-lupin-gioielli-rubati-ROLEX

netflix-campagna-nuova-stagione-lupin-gioielli-rubati-CHANEL

netflix-campagna-nuova-stagione-lupin-gioielli-rubati-HERMES

E dov’è il collegamento tra questi brand e il ladro gentiluomo?

I gioielli delle classiche foto da campagna pubblicitaria luxury non ci sono! Sono stati rubati…. E il furto dei gioielli si nota solo grazie all’abbronzatura.

Dove c’era un orologio di lusso, è rimasto il segno più chiaro rispetto al braccio abbronzato…

I brand famosi citati si riconoscono da altri elementi dell’identità visiva: dai pittogrammi, dal lettering e dallo stile fotografico, anche se, devo ammettere, con uno dei quattro ho fatto fatica perchè mancava il monogramma… l’ho immaginato, essendo uno dei più famosi brand di gioielli e prodotti di alta profumeria.

Questa campagna è geniale per la sua capacità di creare hype, intrigo, suspance e curiosità, collegando la moda e i brand di lusso al ladro gentiluomo, con un tempismo perfetto, la settimana della moda a Parigi. Fa anche un piccolo spoiler sulla terza stagione…

Io ho adorato anche questa stagione di Lupin e per me durano troppo poco!!

loghi famosi rielaborati per la campagna di lancio della serie Lupin, di Netflix

Tornando ai loghi decontestualizzati e con il naming cambiato, qui sopra te ne mostro due da soli e affiancati, per farti capire l’importanza della brand identity nella sua completezza, e di ogni sua componente visiva. Come ho accennato sopra, con uno di questi brand famosi ho fato fatica perché mancavano altri elementi caratterizzanti e il lettering non mi era rimasto così impresso e identificativo. Mentre nel logo di sinistra gli elementi And Co. con quel carattere e in quella posizione mi riportano a Tiffany And Co., nel logo di destra, non ho subito riconosciuto il font usato da Chanel.

Come deve essere la grafica per essere davvero notati?

Come bloccare lo scroll sui social?

A proposito di farsi notare bloccando lo scroll sui social, è importante creare grafiche belle e funzionali, in linea con la propria identità di brand e che riescano ad enfatizzare il messaggio che vogliamo trasmettere. In questo ci viene in aiuto la grafica (che lavora in sinergia con la strategia).

E tu dirai: “eh, grazie, ma tua fai la grafica da 20 anni!!”

Hai detto bene, la grafica, ma da quando sono freelance ho approfondito anche tutta la parte strategica e ho ampliato le mie competenze attraverso corsi di comunicazione e marketing digitale. Qualche corso utile, altri no… soprattutto alcuni video corsi che ho abbandonato strada facendo perché troppo teorici oppure… sapevo già tutto!

Proprio per questo motivo sto creando “CANVASIGN”, il primo percorso LIVE di gruppo (max 6/8 persone) in cui si lavora a basi di grafica, impaginazione comunicazione visiva, attraverso lo strumento più demonizzato e bistrattato dai grafici, CANVA, appunto. E con il supporto di una Visual Designer.

testata per percorso grafica e canva CANVASIGN

Un aiuto in più: CANVASIGN

Ho creato un percorso in cui ti spiego come migliorare nell’uso di Canva attraverso nozioni di grafica, impaginazione e comunicazione visiva.

Perchè CANVASIGN?

Questo perché credo fortemente nella necessità di diventare sempre più autonomi nello sviluppo della propria comunicazione, e nello stare al passo con i nuovi strumenti. Ogni strumento ha un suo scopo preciso e una sua destinazione.

CANVA, per la sua trasversalità, è particolarmente adatto alla comunicazione web e digitale, ma bisogna saperlo usare in modo da non perdersi tra le sue mille opportunità e aggiornamenti. Ha davvero tantissimi usi e integrazioni ad app esterne e i nuovi tool di intelligenza artificiale sono pazzeschi!

Puoi passare dal post per Instagram a una presentazione per Power Point, o stampare una t-shirt con estrema facilità e versatilità.

Bisogna anche saperlo usare coerentemente alla propria immagine di brand e con i giusti scopi (In questo articolo Logo? NO Canva ti spiego perché non usarlo per realizzare il tuo logo, ma puoi lavorare sul lettering ed è un argomento che tratteremo).

Un percorso dal vivo di grafica e Canva

Si tratta di un percorso LIVE di gruppo (max 6/8 persone) con una lezione settimanale dal vivo in orario da concordare, 6 incontri più lezione bonus finale. Durata totale 2 mesi, con supporto, registrazioni, esercitazioni pratiche e materiale in pdf.

Non vedremo solo gli strumenti di Canva, ma affronteremo diversi aspetti legati alla progettazione grafica e alla comunicazione visiva, con qualche trucco “grafico” per agevolarti il lavoro.

A chi è rivolto?

Freelance digitali che vogliono migliorare l’uso di Canva acquisendo anche competenze di progettazione visiva e grafica. Questo non solo per aumentare la qualità dei propri contenuti grafici, ma anche per ottimizzare e massimizzare il tempo trascorso su Canva per realizzarli.

Per il proprio business, ma anche per migliorare con i propri clienti.

CANVASIGN è in fase di “testing”, per questo, se vuoi ricevere aggiornamenti ti consiglio di iscriverti alla lista di attesa (NON vincolante) per il suo lancio in versione BETA di gennaio: è una Mailing List dedicata in cui condividerò i primi contenuti del percorso e un’offerta esclusiva riservata solo alle prime persone che si iscriveranno.

Per saperne di più iscriviti alla Mailing List

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Greta Lorenzetto Amarillo Creative blog

Ciao sono Greta, visual designer e capitana di Amarillo Creative, il mio studio grafico online ormeggiato in Valle Camonica.

Categorie

Seguimi sui social

Potrebbero interessarti anche…