Anche su LinkedIn l’occhio vuole la sua parte: come ottimizzare la grafica su LinkedIn nel 2024

Come ottimizzare il tuo profilo LinkedIn nel 2024

Cos’è LinkedIn e perché è nato?

LinkedIn è la piattaforma professionale per eccellenza, nata come social professionale per connettere i professionisti di tutto il mondo. L’obiettivo di LinkedIn è creare un network professionale che consenta ai suoi utenti di stabilire connessioni con altri professionisti. condividere informazioni sulle proprie esperienze lavorative. Il tutto per costruire una presenza online professionale e cercare opportunità di lavoro, attraverso gli strumenti che mette a disposizione. 

Le principali funzioni di LinkedIn includono la creazione di un profilo professionale dettagliato, la connessione con colleghi, ex colleghi e altri professionisti, la partecipazione a gruppi di settore, la pubblicazione di contenuti professionali, la ricerca di opportunità di lavoro e la creazione di una rete di contatti professionale. 

Essendo un social network anche LinkedIn è in costante evoluzione, ma ci sono punti cardine su cui lavorare per ottimizzare il proprio profilo, affinché porti risultati.

LinkedIn infatti è diventato uno strumento essenziale per il networking professionale, la ricerca di lavoro e lo sviluppo della propria carriera.

Ma anche per i liberi professionisti LinkedIn si presenta come un’opportunità in crescita, un tassello importante per la comunicazione online. Bisogna però ottimizzare il profilo LinkedIn per farlo funzionare al meglio.

Oltre al compilare i diversi campi con informazioni pertinenti, investire tempo nella creazione di immagini coinvolgenti per i post su LinkedIn è un passo fondamentale per costruire una presenza online di successo. 

Un’immagine ben progettata può fare la differenza nel coinvolgimento degli utenti e nell’efficacia del tuo messaggio, contribuendo a posizionarti come un professionista attento e autorevole.

Esempio di profilo LinkedIn: foto profilo professionale, banner che riprende i colori del brand, parole chiave nella descrizione del profilo professionale.
schermata profilo Linkedin

Come funziona LinkedIn?

Scopriamo come ottimizzare il profilo LinkedIn procedendo per fasi.

Scorcio di scrivania a cui sono sedute diverse persone intorno: ci sono tappetini per il mouse che rappresentano loghi di diversi social, fogli con grafici, diversi tablet e un cubo di Rubik.

Fase 1: Sapersi descrivere su LinkedIn è il primo passo per il successo

Su LinkedIn, la capacità di descriversi efficacemente è fondamentale. 

Fai emergere le tue competenze e la tua esperienza, ma staccandoti dall’idea che questo social sia solamente una sorta di curriculum. Rendere il tuo profilo professionale, ma al tempo stesso colorato e personalizzato, ti aiuterà a distinguerti nella massa. Anche su LinkedIn puoi applicare la tua identità visiva. Ti darà quella spinta in più per emergere.

Creazione di immagini per i post su LinkedIn: il potere dell’impatto visivo

Oltre alla cura del tuo profilo in tutti i suoi campi, la creazione di immagini ferma-scroll per i tuoi post è essenziale per massimizzare l’engagement e la visibilità su LinkedIn. 

Le immagini hanno un ruolo fondamentale nel catturare l’attenzione degli utenti e rendere i tuoi contenuti più memorabili. 

Di seguito ti darò alcuni consigli pratici per creare immagini efficaci sia per il banner LinkedIn che per i tuoi post:

1. Coerenza con il contenuto

Assicurati che l’immagine abbia una stretta correlazione con il contenuto del tuo post. Fotografie e grafiche devono già anticipare visivamente il messaggio o il tema principale del tuo post. 

Per esempio, se stai condividendo consigli professionali, potresti utilizzare un’immagine che rappresenti una scena di lavoro o una situazione legata alla tua nicchia, attenzione però a non abusare di fotografie stock, molto spesso anonime e impersonali.

2. Design pulito e accessibile

Mantieni il design delle tue immagini pulito e facilmente accessibile. Evita di riempire di elementi il tuo post e assicurati che il testo sia leggibile. Un’immagine essenziale e ben progettata cattura l’attenzione in modo rapido e efficace. Nell’immagine di copertina, il banner LinkedIn, puoi optare per uno sfondo colorato e dei richiami (visuali o testuali) ai tuoi servizi. Vale sempre la regola del “meno è meglio”.

3. Dimensioni ottimali

Le dimensioni delle immagini per i post su LinkedIn possono variare. Segui le misure raccomandate per garantire che le tue immagini siano visualizzate correttamente. Ogni tipologia di post ha la sua dimensione:

Immagine per blog-post e contenuti sponsorizzati: 1200×627

Foto profilo: 400×400

Copertina in alto (banner): 1584 x 396

Immagini carosello e contenuti sponsorizzati: 1080×1080

In generale usa proporzioni 1:1 (quadrato) per i post e 4/3 per immagini che andranno inserite in articoli.

4. Usa il testo in modo strategico

Se aggiungi testo alle immagini, assicurati che sia a contrasto, chiaro, breve e coinvolgente. Potrebbe essere un titolo “gancio”, una citazione o una breve descrizione del tuo post. Il testo deve integrarsi armoniosamente con l’immagine, per questo dovrai inserirlo in una parte neutra, sopra uno sfondo sfumato o un box.

5. Originalità e autenticità

Cerca di creare immagini originali e autentiche. L’originalità cattura l’attenzione degli utenti e contribuisce a far conoscere la tua realtà. Se possibile, evita le fotografie stock e investi in un servizio fotografico di branding, oltre a conferire un aspetto professionale ai tuoi ritratti, ti darà moltissimo altro materiale da usare sui social, sul tuo sito, ma non solo! Applica sempre la tua identità visiva, è unica e studiata per il tuo brand.

6. Consistenza con il tuo brand

Mantieni coerenza visiva nelle immagini che condividi. Applica la tua identità visiva anche ai contenuti LinkedIn, attraverso colori, font e stili grafici allineati alla tua identità di brand. 

Questo contribuirà a consolidare la tua presenza online e a rendere immediatamente riconoscibili le tue immagini.

uomo che guarda da una lente di ingrandimento su sfondo giallo, riconoscibilità della foto profilo

Fase 2: La foto del profilo LinkedIn: professionale ma con carattere

La foto del profilo su LinkedIn è un elemento chiave per creare una prima impressione professionale e autentica. Scegli un ritratto riconoscibile e mentre guardi l’utente. Può anche essere la stessa su ogni social di tuo interesse, per una maggiore riconoscibilità.

Ma ecco altri consigli per valorizzare la tua foto del profilo su LinkedIn:

1. Aspetto professionale

La tua foto deve riflettere professionalità. Opta per un’immagine che ti ritragga in un contesto lavorativo, come un’ambientazione d’ufficio o comunque ordinata e formale. Evita foto troppo casuali o in ambienti non professionali.

2. Chiarezza e nitidezza

Assicurati che la tua foto sia chiara e nitida. Una buona risoluzione è essenziale per garantire che la tua immagine sia ben definita anche su tutti gli schermi.

3. Fondo neutro

Preferisci uno sfondo neutro che metta in risalto il tuo volto. Un fondo pulito evita distrazioni e focalizza l’attenzione sulla tua espressione.

4. Sorridente e cordiale

Un sorriso gentile può fare la differenza, contribuendo a creare un’immagine accogliente. Sii naturale e rilassato, trasmettendo un senso di apertura e cordialità.

5. Inquadratura adeguata

Il tuo volto dovrebbe essere il punto focale della foto. L’inquadratura dovrebbe essere dalla testa alle spalle, con una distanza adeguata intorno al viso. Evita inquadrature troppo distanti o troppo ravvicinate. Non ritagliare la fotografia troppo vicina al collo per evitare l’effetto “appeso” e lascia abbastanza respiro intorno al tuo viso, provando a decentrarlo verso il lato sinistro. Evita di farla sembrare una fototessera!

6. Abbigliamento professionale

Vestiti in linea con il tuo settore. Scegli abiti che trasmettano la tua professionalità e il tuo stile. Evita colori e stampe eccessivamente vivaci, a meno che non siano parte della tua identità visiva o usati nel tuo settore.

7. Occhi visibili e contatto visivo

Assicurati che i tuoi occhi siano ben visibili e che mantengano un contatto visivo con la fotocamera e quindi l’utente finale. Questo crea un’immagine più coinvolgente e comunicativa.

8. Foto aggiornata

Mantieni la tua foto del profilo aggiornata. Se hai cambiato significativamente il tuo aspetto o se la tua foto è datata, è consigliabile sostituirla con una più recente.

Ricorda che la tua foto del profilo su LinkedIn è spesso la prima cosa che gli altri notano quando visitano il tuo profilo. Una foto ben curata e professionale può contribuire a creare un’impressione positiva e a generare fiducia tra i tuoi colleghi, clienti o potenziali datori di lavoro.

Una superficie blu su cui sono appoggiati tanti quadratini altrettanto blu su cui è rappresentato in rilievo il logo di LinkedIn in bianco.

Fase 3: Banner di LinkedIn: un elemento essenziale

Cos’è un banner di LinkedIn e perché ne hai bisogno? 

Il banner di LinkedIn, ovvero l’immagine di copertina che apre la tua pagina, è molto più di un’immagine di sfondo, è una delle prime cose che cattura l’attenzione di chi visita il tuo profilo. Offre un’istantanea visiva della tua identità professionale e dei servizi che offri. Quest’immagine bassa e larga rappresenta un’opportunità unica per differenziarti e comunicare il tuo brand al primo sguardo. 

È una potente opportunità di storytelling visivo che puoi sfruttare per catturare l’attenzione, comunicare il tuo valore unico e lasciare un’impressione duratura su chiunque visiti il tuo profilo. Investire tempo e cura nella scelta e nell’aggiornamento del tuo banner può fare la differenza nel modo in cui gli altri percepiscono la tua presenza su LinkedIn.

1. La prima impressione conta

Il banner LinkedIn è il primo elemento visibile nella parte superiore del tuo profilo, quindi è l’occasione per fare una prima impressione memorabile. Scegli un’immagine che rifletta il tuo settore, il tuo stile professionale o la tua personalità. Ad esempio, se lavori nell’architettura, potresti optare per un banner che mostri una skyline urbana o un progetto architettonico che ti rappresenti. Puoi aggiungere un titolo (leggibile) per introdurre meglio il contenuto del tuo profilo o i tuoi servizi.

2. Racconta la tua storia

Il banner offre uno spazio più ampio rispetto alla foto del profilo per esprimere chi sei e cosa fai. Puoi presentare il tuo marchio personale o aziendale, evidenziando la tua missione o i tuoi valori. Un consulente finanziario potrebbe inserire elementi che richiamano la fiducia e la stabilità finanziaria. Un designer potrebbe inserire e mixare elementi grafici e fotografici dalla sua identità visiva. Se lavori nel copywriting potresti optare per una grafica pulita con frasi d’effetto.

3. Consistenza visiva

Assicurati che il tuo banner si integri visivamente con il resto del tuo profilo e con la tua presenza online complessiva in tutti i suoi touch-point. La coerenza visiva contribuisce a creare un’esperienza di brand più forte e professionale, oltre a farti riconoscere attraverso i diversi punti di contatto.

4. Utilizzo strategico di testo e grafica

Puoi arricchire il tuo banner aggiungendo testo o elementi grafici che comunicano ulteriori informazioni. Ad esempio, un professionista del marketing potrebbe inserire una frase motivazionale o un’immagine che rappresenta i valori chiave del suo approccio al marketing.

5. Aggiornamento periodico

Mantieni il tuo banner fresco e attuale. Puoi cambiarlo periodicamente per riflettere nuovi progetti, obiettivi o traguardi raggiunti. Questa pratica mostra un impegno costante verso la tua crescita e il tuo sviluppo professionale.

Rappresentazione del concetto di connessione: tanti cubetti di legno in cui sono intagliati i profili stilizzati di persone, collegati tra loro da dei nastri blu, incollati sulla superficie azzurra su cui si appoggia tutto lo schema.

Fase 4: le Emoji nel tuo nome LinkedIn: aggiungi personalità 

Le emoji nel nome su LinkedIn possono aggiungere un tocco di personalità al tuo profilo. Puoi utilizzarle (con parsimonia) in modo efficace per comunicare chi sei e cosa fai in modo più coinvolgente e meno serioso. Ne bastano davvero poche e in linea con il tuo messaggio.

Una lavagnetta piena di post-it con parole chiave e in cima la scritta "marketing". Si vede la mano di una ragazza che sta attaccando un post-it con scritto "plan".

Fase 5: Job Title e la descrizione: la tua Identità professionale

Investire tempo nella creazione di un titolo professionale e di una descrizione coinvolgenti e pertinenti può fare la differenza nel modo in cui gli altri percepiscono la tua identità professionale su LinkedIn. Questi elementi fungono da ponte tra la tua esperienza e le opportunità che cerchi, quindi assicurati che riflettano accuratamente la tua professionalità e il tuo potenziale.

Uno degli aspetti più cruciali nella creazione di un profilo LinkedIn che lasci un’impressione duratura è la definizione accurata del tuo “Job Title” e la costruzione di una descrizione che catturi l’essenza della tua identità professionale. 

Questi elementi non sono solo etichette formali, ma sono il tuo biglietto da visita digitale, la prima cosa che gli altri vedono quando si imbatteranno nel tuo profilo. 

Ora vediamo come questi due campi possono essere utilizzati strategicamente per catturare l’attenzione e comunicare il tuo valore unico sul mercato.

Il Job Title

Il titolo professionale è la tua etichetta professionale principale. Deve essere conciso, ma anche riflettere accuratamente il tuo ruolo attuale e il tuo percorso professionale. Ragiona in termini di ricerca SEO, evitando titoli generici, inserendo quindi parole chiave rilevanti per la tua nicchia. 

Questo non solo facilita il ritrovamento del tuo profilo da parte di chi cerca professionisti come te, ma anche di coloro che potrebbero essere interessati a collaborare o assumere.

Ad esempio, anziché “Manager”, considera “Digital Marketing Manager Specializzato in SEO e Strategie di Contenuto”.

La Descrizione

La sezione descrittiva è il tuo spazio per raccontare la tua storia professionale in modo coinvolgente. Concentra l’attenzione su ciò che hai raggiunto e su come hai portato valore ai tuoi precedenti datori di lavoro o clienti. Usa un linguaggio positivo e coinvolgente, sottolineando le tue competenze chiave e le realizzazioni più significative.

Incorpora anche le parole chiave pertinenti per migliorare la visibilità del tuo profilo nei risultati di ricerca. Ad esempio, se lavori nel settore del marketing, potresti menzionare la tua esperienza specifica con “campagne di marketing digitale”, “analisi dei dati” o “lead generation”.

Inoltre, non dimenticare di evidenziare le tue abilità uniche e il tuo approccio distintivo nel tuo settore. Questa è l’opportunità per far emergere la tua personalità professionale e distinguerti dagli altri professionisti.

Scorcio di scrivania in cui si vedono diversi oggetti (occhiali, auricolari, computer, penne e post-it), tra cui al centro un cellulare su cui è visualizzata la schermata principale di LinkedIn.

Fase 6: usa e personalizza i trend

Anche su LinkedIn si creano dei trend, ma vale sempre la regola di personalizzarli e usarli se coerenti con i tuoi obiettivi.

Di seguito alcuni esempi di trend da cui puoi trarre idee utili. Più che trend sono proprio “azioni”, che puoi compiere sul tuo profilo.

1. Contenuti video

Esempio: Integra brevi video nella tua sezione di attività per condividere storie, dimostrazioni di prodotti o insight di settore. Ad esempio, un consulente finanziario potrebbe condividere video consigli su investimenti.

2. Narrazione visiva con presentazioni

Esempio: Utilizza la funzionalità di presentazioni per creare visivamente la tua storia professionale. Ad esempio, un designer potrebbe condividere una presentazione visiva delle sue creazioni più significative.

3. Partecipazione a gruppi

Esempio: Unisciti a gruppi pertinenti alla tua industria e partecipa attivamente alle discussioni. Un professionista delle risorse umane potrebbe condividere il suo punto di vista sulle ultime tendenze di reclutamento in un gruppo dedicato.

4. Racconti autentici e personali

Esempio: Condividi aneddoti personali legati alla tua carriera. Un imprenditore potrebbe condividere una sfida superata o una lezione imparata nel suo percorso.

5. Contenuti a lungo formato

Esempio: Scrivi articoli o post informativi e approfonditi sulla tua area di competenza. Un esperto in marketing potrebbe condividere un articolo dettagliato sulle nuove tendenze del settore.

6. Eventi virtuali

Esempio: Partecipa a eventi virtuali pertinenti e condividi le tue esperienze. Un esperto di tecnologia potrebbe condividere insights da una conferenza virtuale sull’innovazione tecnologica.

7. Recensioni e testimonianze

Esempio: Chiedi ai colleghi o clienti soddisfatti di lasciare recensioni sulla tua pagina. Ad esempio, un consulente aziendale potrebbe condividere testimonianze di clienti che hanno beneficiato dei suoi servizi.

Svolgendo queste azioni nel tuo profilo LinkedIn, puoi distinguerti come un professionista moderno, attento e pronto a condividere valore. La chiave è mantenere un equilibrio tra autenticità e professionalità, offrendo contenuti rilevanti e coinvolgenti in linea con i valori del tuo brand.

LinkedIn è un potente strumento per chiunque voglia costruire una presenza professionale online di successo. Segui le fasi illustrate per ottimizzare il tuo profilo nel 2024 e tieni sempre presente che l’aspetto visivo ha la sua rilevanza anche su LinkedIn!

Per migliorare la grafica dei tuoi contenuti su LinkedIn, scopri il mio servizio di Social Media Design

Greta alla scrivania che lavora a un progetto creativo

SUBLetter è la mia newsletter

La invio ogni mese e la mia missione è portare nella tua casella di posta tanti spunti creativi, utili al tuo brand. Conterrà consigli per sviluppare e portare avanti la tua comunicazione visiva, tips grafiche, suggerimenti social, genialate creative (quelle belle). Troverai anche anticipazioni o riassunti dei contenuti social e del blog più  momenti di vita da freelance, soprattutto da mamma-freelance. Ti iscrivi?

MI ISCRIVO SUBITO

Header della mia newsletter mensile

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Greta Lorenzetto Amarillo Creative blog

Ciao sono Greta, visual designer e capitana di Amarillo Creative, il mio studio grafico online ormeggiato in Valle Camonica.

Categorie

Seguimi sui social

Potrebbero interessarti anche…